Progetto Movi-menti

Il progetto Movi-menti nasce dalla stretta collaborazione tra Fondazioni di comunità, cooperative sociali e consorzi di cooperative di riferimento delle 5 regioni coinvolte: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Campania e Sicilia. Il progetto coinvolge territori marginali, lontani dai grandi centri urbani dove tendono a concentrarsi le capacità progettuali e di conseguenza le risorse. L'obiettivo generale del progetto è mettere in condizione i minori, in particolare quelli in situazione di svantaggio socio-economico, di fare esperienze educative attivanti e motivanti migliorando le loro capacità cognitive e relazionali con conseguente impatto positivo sull'esperienza scolastica e diminuzione del rischio di abbandono e devianza. La comunità educante sviluppa una “cultura dell’infanzia” con la partecipazione di scuola, servizi, famiglie, terzo settore, cittadini.

Il progetto MOVI-MENTI è stato selezionato dall'Impresa sociale "Con i Bambini" nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile – bando “Nuove Generazioni” rivolto a minori nella fascia di età 5-14 anni. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

La proposta progettuale, frutto di un lavoro collegiale, prevede attività laboratoriali e scambi tra regioni ed è stata incentrata sul problem solving collaborativo e sull'apprendimento cooperativo. Il progetto offre la possibilità di lavorare insieme, all'interno di questa cornice, a enti educativi e organizzazioni culturali, ricreative e sportive. Le attività previste sono molteplici e inerenti alle competenze dell’approccio STEAM e alle opportunità sportive.

Estiva-mente

Campi solari residenziali

La formula settimanale residenziale permette di proporre efficaci azioni educative full immersion grazie alle quali è possibile rafforzare non solo le abilità cognitive normalmente sviluppate nel contesto scolastico, ma anche quelle metacognitive legate all'autonomia, alla creatività, al problem solving, alla flessibilità, alla verbalizzazione delle proprie emozioni. Il centro estivo residenziale permette di vivere immersi nella natura intesa come “enciclopedia viva”, luogo educativo e di apprendimento. Offre inoltre l’opportunità di far vivere ai bambini e ai ragazzi esperienze di vita in comunità (condivisione di regole, cooperazione nella gestione della vita quotidiana). Il progetto vuole abbattere le barriere all'accesso, sia economiche che culturali, per i bambini/ragazzi che provengono da contesti socio-culturali più marginali e svantaggiati attraverso forme di sostegno alla partecipazione di tipo economico e socio-affettivo. I campi solari residenziali sono comunque aperti a tutti i bambini del territorio tra gli 8 e 14 anni per facilitare la costruzione di relazioni di supporto informale e di socializzazione.

 

Centri estivi diurni

Per contrastare il fenomeno del summer slump (il calo di produttività dei mesi estivi) viene potenziata la partecipazione dei bambini e ragazzi in situazione di svantaggio socio-economico ai centri estivi diurni presenti sui territori. Inseriti in gruppi eterogenei per background socio-economico e culturale, i partecipanti possono sperimentare attività sportive e di gioco, laboratori in continuità con quelli condotti durante l'anno scolastico, uscite didattiche di esplorazione del territorio, accompagnati e sostenuti da animatori ed educatori qualificati. L'obiettivo è mantenere alti i livelli di competenze trasversali e arricchire il bagaglio esperienziale. Si prevede una forma di partecipazione economica da parte delle famiglie, formulata in base all'ISEE.

Ingegnosa-mente 

Problem solving collaborativo in ambito artistico e scientifico

Si tratta di laboratori in ambito STEAM, strutturati per rafforzare le competenze cognitive e creative, consolidare il pensiero computazionale e laterale, consentire ai partecipanti di scoprirsi “capaci di fare insieme”. Attraverso la metodologia del problem solving collaborativo sono proposti laboratori didattico-scientifico-artistici dedicati a bambini tra 5 e 14 anni presso le scuole partner (in orario scolastico ed extrascolastico) e altri contesti educativi (biblioteche, ludoteche, sedi di associazioni, comunità per minori) al fine di promuovere il raccordo con la Comunità. Tutti i laboratori pongono al centro il lavoro di gruppo, favoriscono l'acquisizione di competenze trasversali attraverso la collaborazione tra i partecipanti, coinvolgono minori con disabilità, bes/dsa e fragilità socio-relazionali in carico ai servizi sociali e sanitari e anche minori per i quali sia ancora in essere una fase di valutazione da parte dei servizi.

Sportiva-mente

Lo sport per la coesione delle comunità

I laboratori sportivi favoriscono lo sviluppo dello spirito di squadra e di collaborazione, creano senso di appartenenza, consolidano un'immagine positiva del sé, favoriscono stili di vita più sani da un punto di vista sia fisico che emotivo. Sono Incontri scolastici ed extrascolastici di avvicinamento all’attività sportiva sia indoor sia outdoor che hanno come obiettivo di promuovere:

  • stili relazionali cooperativi e inclusivi, con particolare riferimento a bambini con disabilità o con fragilità;

  • la collaborazione e lo sviluppo di un senso di appartenenza;

  • lo sviluppo di competenze strategiche necessarie per implementare competenze logiche, cognitive e creative.

Gli ambiti sportivi sono: calcio, rugby, basket, pallavolo, tiro con l’arco, vela, escursionismo-trekking, windsurf.

Travsersal-mente

Cinemovel, La Scatola magica e il Festival

I laboratori estivi di tecnologie audiovisive e multimediali e di cultura visiva vengono realizzati in estate con attività di videomaking e animazione. Attraverso il partner CINEMOVEL, sono previste due attività comuni a tutti i 5 territori della rete. In particolare si prevede di realizzare "La Scatola Magica": un laboratorio di cinema per avvicinare giovani da 11 a 14 anni alle tecnologie audiovisive e multimediali e alla cultura visiva. Ogni laboratorio, della durata di 40 ore, coinvolge 30 partecipanti, è condotto da 4 formatori (sceneggiatori, registi e video-makers) e ha come output 2 prodotti audiovisivi. La direzione scientifica è affidata al divulgatore di cultura scientifica, tecnologia e dell’innovazione Massimo Temporelli.

Nel corso dell’anno scolastico "La Scatola Magica" entra nelle scuole coinvolte per realizzare un Festival, dedicato alla disseminazione e condivisione dei 20 video realizzati nell’estate e all’attivazione di un processo di scambio e confronto tra i territori.

Viaggin-mente

Scambi interregionali

Andare lontano per crescere insieme. ll viaggio e l'incontro con altri contesti, persone, situazioni rappresentano una forte occasione di crescita, fonte di stimoli a livello cognitivo-relazionale. Si tratta di esperienze di scambio culturale che offrono occasioni di crescita personale e arricchimento culturale, per scoprire nuovi orizzonti e mettersi alla prova. Attraverso gli scambi, si creano occasioni per avvicinare diversità e creare legami solidali. Gli scambi inoltre sono occasione per lavorare insieme sui temi del progetto (STEAM, sport) attraverso la metodologia del Problem Solving Collaborativo, per individuare buone pratiche e favorirne la disseminazione a livello nazionale. E' previsto il coinvolgimento delle famiglie beneficiarie sia nell'esperienza dello scambio sia nell'accoglienza di ragazzi provenienti dalle altre regioni.

239907811_813663512684233_4676758185860205846_n.jpg

La comunità educante sviluppa una “cultura dell’infanzia” con la partecipazione di scuola, servizi, famiglie, terzo settore, cittadini.

Scheda progetto Movi-menti

Movi-menti novità