Cerca

A Villa Polara, confronto e programmazione sui temi del "Problem Solving Collaborativo




Dal Piemonte alla Sicilia, da Ivrea a Modica, Movi-menti viaggia anche attraverso la formazione: immersi nella campagna modicana a Villa Polara, ci siamo concessi il privilegio di fermarci come gruppo Sicilia, per condividere i principi legati al Problem Solving Collaborativo. A quasi un anno di attività più di 30 partecipanti tra esperti ed educatori si sono incontrati per una giornata di confronto e formazione reciproca. Il gioco è stato lo strumento principale; abbiamo sperimentato dal vivo il grande potere di “trasformazione” educativa che esso può avere. All'interno di questa cornice è stato più facile delineare i principi teorici del Problem Solving Collaborativo per poterli poi applicare nell'immediato, nel concreto dell’esperienza. “Risolvere problemi” è una delle competenze chiave per la cittadinanza. In ogni esperienza educativa ci troviamo a dover collegare proposte ed intenti “ideali” con la realtà concreta di un contesto; ci siamo allenati seguendo le varie fasi del psc: Esplorare e comprendere, rappresentare e formulare, pianificare ed eseguire, monitorare e riflettere. E ancora: pensiero divergente e pensiero convergente, razionalità e creatività, complessità e organizzazione non sono in opposizione tra loro ma, ben collocati, negoziati e contestualizzati, diventano risorsa per il gruppo. A fare da sfondo alla giornata il tema della povertà educativa con la consapevolezza che “un bambino è soggetto a povertà educativa quando il suo diritto ad apprendere, formarsi, sviluppare capacità e competenze, coltivare le proprie aspirazioni e talenti è privato o anche solo compromesso”. La giornata si è conclusa condividendo le linee programmatiche delle prossime azioni del progetto “Movi-menti” .